Parrocchia San Francesco d'Assisi

La chiesa di san Francesco d'Assisi fu costruita nel 1727 a seguito dell'autorizzazione alla fondazione del Convento dei Cappucci, avuta con bolla pontificia del 1722; è ad una sola navata, una sola porta centrale, ed è posta in un punto alto del paese dove si pensa ci siano stati i primi insediamenti abitativi.

Con decreto del Vescovo di Agrigento Mons. Giovanni Battista Peruzzo il 20 marzo 1948 la chiesa venne eretta a Parrocchia, venne nominato primo parroco Don Girolamo Amantia che venne sostituito il 1 luglio 1969 da Don Giovanni Di Liberto che rimase parroco fino al 1981 quando venne nominato Arciprete della Madre Chiesa. Dopo tale nomina,  per un breve periodo, è stato parroco l'attuale Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Agrigento, Don Melchiorre Vutera,  e poi Don Giuseppe Argento fino a quando, nel 1991, è stato nominato Amministratore Parrocchiale l'Arciprete Don Giovanni Di Liberto.

Nell’interno della chiesa, interamente restaurato nell’anno 2002, vi sono, nel lato destro, guardando l'altare centrale,  tre cappelle, nella prima è collocata una statua di Santa Chiara d'Assisi, acquistata, nell'anno 2008, dall'Arciprete Don Giovanni Di Liberto su iniziativa e raccolta di alcuni fedeli della comunità, nella seconda cappella sono custodite, sopra l'altare centrale, la statua della Madonna del Silenzio, in una piccola nicchia ricavata nella stessa cappella un piccola statua dell'Ecce Homo e in centro alla cappella si trova il fonte battesimale, a seguire, sempre nel lato destro, nella terza cappella è collocato il gruppo statuario che rappresenta la Crocifissione, con Gesù crocifisso e, ai lati, le statue della Madonna Addolorata e della Veronica, quest'ultima statua viene portata in processione nelle celebrazioni del venerdì Santo.

Sempre guardando l'altare, nel lato sinistro della chiesa, in una nicchia, di fronte alla statua di Santa Chiara, è allocata la statua di San Francesco d'Assisi e, a seguire, sui muri che insistono tra le arcate, su uno sbalzo, la statua di San Giuseppe ed nell'arcata successiva una grande tela di cui parleremo ampiamente dopo.

Le statue di San Francesco d'Assisi, di San Giuseppe, della Madonna del Silenzio e dell'Ecce Homo sono in legno e realizzare dallo scultore castelterminese Michele Caltagirone, inteso Quarantino, mentre la statua di Santa Chiara, è in vetroresina, decorata a mano con colori ad olio mentre l'ostensorio è rivestito di oro zecchino in foglie.

Nell'altare maggiore, vi è un bellissimo Tabernacolo scolpito in legno di bosso da Fra Fedele Pizzuto da Casteltermini. All'interno della chiesa si possono ammirare delle bellissime tele realizzate da Padre Fedele Tirrito da San Biagio Platani.

 

Questo sito utilizza cookie per il funzionamento delle pagine e migliorare l'usabilità. Chiudendo questo banner, ignorandolo, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento della pagina stessa acconsenti all’uso dei cookie.